Intorno al progetto

“Una Cartolina per Toritto” nasce come un progetto rivolto ad alunni, genitori, insegnanti dell’I.C. “Bosco-Manzoni” di Toritto con l’obiettivo di approfondire alcuni aspetti del termine polisemico di “Paesaggio”, concetto prescelto dalle docenti quale nucleo tematico intorno a cui riflettere e interrogarsi, assumendo il punto di vista, le specificità della propria disciplina di insegnamento. 

Il progetto, partito dall’analisi dell’Articolo 9 della Costituzione si è poi articolato in una serie di proposte per portare l’attenzione, un vero e proprio “zoomare”, sui particolari dell’ambiente in cui viviamo. Se il paesaggio è quello che vediamo dall’esterno, quella parte di mondo che ci appare se ci affacciamo da una finestra, l’ambiente è il luogo in cui si realizza il rapporto tra gli elementi presenti, è quello che ci chiama in causa quando scendiamo in esso e diventiamo protagonisti. In questo progetto i concetti di paesaggio e ambiente si sposano, perchè solo se difendiamo il nostro modo di stare nell’ambiente tuteliamo il paesaggio. Dunque si è convinti che per “vedere” un luogo occorre osservare, incuriosirsi, esplorare, entrare in relazione.

Per iniziare il percorso sono state mostrate sette cartoline che hanno generato una seria di riflessioni (le cartoline sono di seguito riprodotte). Esse consideravano non solo aspetti naturalistici o architettonici, ma anche quelli su cui meno si riflette e che concorrono a costruire la nostra idea di paesaggio, quelli che potremmo considerare aspetti sinestesici, vale a dire odori, colori, sensazioni, emozioni. Di quali luoghi parliamo? Sono i luoghi dentro cui viviamo, che “consumiamo”, che attraversiamo, ora assorti, ora distratti, ora inconsapevoli, ora innamorati, ora dissipatori, ora attenti e responsabili.

Con le sette cartoline volevamo che ci si fermassi con consapevolezza su angoli e scorci di Toritto, scegliendo di raccontare i luoghi di affezione, di incontro, quei luoghi carichi di memoria, di presente e di futuro. Questi luoghi spesso coincidono con un odore, una sensazione piacevole o spiacevole, un ricordo, un suono, un balcone, un albero, una panchina, un negozio, una scalinata, un cortile, un amico.

Ad alunni e genitori è stato rivolto l’invito a creare la propria cartolina del cuore, a scoprire il personalissimo genius loci, contribuendo a costruire coralmente quell’insieme di caratteri di un posto che ci lega, ci fa appartenere regalandoci identità. Il progetto nato in ambiente scolastico ha coinvolto successivamente Pro loco e Assessorati alla Cultura e all’Ambiente ed Ecologia del Comune di Toritto finendo per coinvolgere l’intera cittadinanza torittese.

Per le sollecitudini, gli stimolo, il potere generativo di questo progetto che si configura come un contenitore di azioni è nato il presente sito che raccoglie e presenta le proposte, le ideazioni, le elaborazioni, le iniziative messe in cantiere da ragazzi, insegnanti, cittadini.